GRAZIE! 💚

Ce l’abbiamo fatta: l’onda verde ha passato il Gottardo. Eccome se l’ha passata! Sono ancora frastornata dalla giornata di ieri, ricca di emozioni, abbracci e lacrime. Grazie di cuore per la vostra fiducia! È un grande onore per me potervi rappresentare a Berna. 💚

Per una Svizzera libera, solidale e verde

La politica ha senso solo se riesce a trasformare le speranza in realtà. Arthur Miller, in “Morte di un commesso viaggiatore”, fa dire a uno dei personaggi che l’unico sogno che un uomo può avere è di essere il primo in quello che fa. È il sogno di chi esalta la competizione sfrenata e la selezione sociale. Ma non è un sogno; è un incubo che avvelena la nostra società e crea diseguaglianza e senso di emarginazione.

Leggi tutto “Per una Svizzera libera, solidale e verde”

Ora si vota!

Per eleggere il Parlamento federale il sistema è più complesso di quello ticinese. Ricordate che al Consiglio nazionale avete anche la possibilità di raddoppiare (non più di due voti per candidato) e rigare creando la vostra lista prediletta. Questa possibilità è data anche per chi non vota scheda 12… raddoppiatemi se volete sostenermi!
Per il Consiglio degli Stati potete invece dare due preferenze: io voterei la sottoscritta e Marina Carobbio.

Casse malati: la misura è colma!

Il Ticino è sempre più soffocato dai premi di cassa malati; nel 2020 l’aumento medio sarà del 2.5%, ma per alcuni assicurati l’aumento sarà quasi in doppia cifra. La vittima principale di questa ennesima “stangata” sarà, di nuovo, il ceto medio, che non può accedere ai sussidi, ma per il quale il premio di cassa malati è oramai diventata la voce di spesa più importante dopo l’affitto.

Leggi tutto “Casse malati: la misura è colma!”

Per famiglie (più) serene

La generazione dei miei genitori ha dovuto lottare contro i pregiudizi sulle mamme che lavoravano: “trascura i figli”, “porta via il posto di lavoro a un padre di famiglia”, “lavora solo per fare la bella vita”. Qualche volta ci andavano di mezzo anche i mariti, ai quali si rimproverava di non guadagnare abbastanza (come se fosse una colpa) e di costringere la moglie a lavorare.

Leggi tutto “Per famiglie (più) serene”